Martedì, 12 Dicembre 2017
   
Text Size

DAL SOGNO ALLA REALTA'

monumento rid

Monumento Nazionale ai Caduti della Polizia Municipale

 

Il progetto

Il Video

Le Immagini dell'inaugurazione

 

Il 21 ottobre rimarrà nella memoria di tutti noi come una data storica per la Società di Mutuo Soccorso della Polizia Municipale di Genova, per i nostro Corpo e per tutti i Colleghi d’Italia.
Siamo riusciti a realizzare, unica in Italia, un'opera che rappresenta la categoria: il primo monumento nazionale ai caduti della Polizia Municipale, o meglio, dei Vigili Urbani, come tanto piace  essere chiamati agli anziani, ai vecchi “Cantune”.
Solo chi ha avuto la fortuna di svolgere tale mestiere può appieno comprendere la vera essenza di tale “missione”: essere un riferimento per i cittadini, per i bimbi e per gli anziani in particolare, essere l'unione tra le Istituzioni decentrate, lo Stato, la popolazione, essere sempre presenti nel momento del bisogno. Nell’agente della Polizia Municipale e nel Vigile Urbano rimane per sempre un legame indissolubile con la gloriosa divisa e il ruolo unico svolto.
Tutte le altre forze di polizia e corpi militari sono rappresentati nei vari cimiteri, luoghi comuni a tutte le persone: la nostra categoria, fino ad oggi, non lo era. Oggi, questa opera, collocata in questo meraviglioso cimitero monumentale, nel Viale agli Eroi Caduti di tutte le Guerre, ci ridà la nostra dignità, riunisce questa categoria spesso divisa ed umiliata, che, a seconda dei momenti storici, diventa “poliziotto” o, come spesso si sente dire, “impiegato comunale con la pistola”.
Oggi trovano giustizia tutti i nostri caduti ad iniziare da quelli che hanno perso la vita durante la seconda guerra mondiale, sotto i bombardamenti, nel tentativo di aiutare la popolazione a mettersi in salvo, quelli trucidati e deportati dai nazifascisti, fino ad arrivare ai caduti dei nostri giorni, nell’adempimento del proprio dovere. E' un lungo elenco di nomi.......
L’idea del monumento nasce circa tre anni fa da una proposta fortemente caldeggiata da un nutrito gruppo di nostri soci pensionati, un loro sogno nel cassetto, che però, fino ad oggi, era rimasto solo un sogno.
Personalmente ho sposato subito questa idea anche se mi sembrava un’impresa titanica, non tanto per l’esecuzione dell’opera, quanto per l'impegno finanziario: era indispensabile trovare dei finanziamenti per la realizzazione della stessa; infatti la statua, visto il sito in cui veniva essere collocata, doveva necessariamente essere realizzata in materiale nobile, così come prescritto dalla Soprintendenza.
Ma, fin dall’inizio, il nostro slogan è stato “I have a dream” “abbiamo un sogno” , parafrasando una famosa frase di M.L.King!
La Civica Amministrazione ci ha assegnato uno spazio nel Viale agli Eroi Caduti di tutte le Guerre, dove sono già stati eretti i monumenti commemorativi delle altre forze di polizia e corpi militari, quindi il nostro compito era capire come si voleva rappresentare la nostra categoria.
Per la realizzazione dell’opera ci siamo rivolti ad un abile maestro scultore genovese, con un tratto originale ed innovativo, Alfonso Bonavita, che coniugava tutte le nostre esigenze. Sulla scelta non abbiamo avuto dubbi perché egli ha fatto parte del nostro Corpo, prima di lasciarci per una carriera artistica brillante e piena di soddisfazioni: chi, meglio di lui, poteva modellare un’opera con le mani ma soprattutto col cuore?
Appena interpellato Alfonso si è dimostrato entusiasta di essere stato reso partecipe del nostro sogno e si è subito attivato per rendere il sogno una realtà, realizzando uno studio articolato del progetto da sottoporre alla Soprintendenza. In un primo momento eravamo decisi a realizzare una statua che rappresentava il Vigile Urbano con l'uniforme tipica per regolare il traffico: braccio destro alzato, braccio sinistro perpendicolare al corpo, indicazione del giallo ovvero ATTENZIONE, AVVERTIMENTO, PRUDENZA, PREPARAZIONE, RALLENTARE, …., ma  tale proposta non fu accolta.
Questo ultimo progetto, quello approvato, vuole esprimere il commiato del vigile urbano, il saluto di un uomo, un cittadino, giunto al termine del suo percorso esistenziale.
Ottenuto il “nulla osta”, quale emozione vedere la concretizzazione del nostro sogno in un modello a grandezza naturale, plasmato non soltanto con le mani ma anche con il cuore!
Ed ancora più emozionante è stato vedere la statua finita nella fonderia … un’emozione che abbiamo rivissuto in occasione dell'inaugurazione!
Ora, affinché questo momento non sia riduttivo bisogna che la realizzazione di quest’opera rappresenti anche un punto di partenza per la nostra categoria, affinché in futuro sia veramente unita in quanto la nostra frammentazione ci ha sempre impedito di avere quel riconoscimento giuridico che da troppo tempo aspettiamo e che ci deve essere riconosciuto. Molte volte Genova è stata, politicamente, l’incubatrice di idee nuove che poi si sono concretizzate a livello nazionale …. speriamo lo sia anche questa volta !
Nonostante la scarso consenso ricevuto a livello nazionale, siamo comunque arrivati al traguardo con la forza e la solidarietà che la SMS ha sempre dimostrato nelle sue azioni, durante i suoi 128 anni di storia. Siamo fieri di aver costruito un’opera di vanto per la nostra città e di aver rappresentato la Polizia Municipale di tutta Italia !
Siamo comunque grati a tutti quelli che ci hanno aiutato nella realizzazione di questo progetto, i cittadini, i colleghi, le istituzioni, le società e aziende che ci hanno finanziato o aiutato materialmente. Tra quest’ultime permettetemi di ringraziare l’Aster, l’Asef, i Sindacati UIL FP e SULPM, Ottica Sparviero, Bar Gran Ristoro, La Generale Pompe Funebri e tutti quelli che , anche con piccoli contributi, hanno permesso la realizzazione di questo nostro sogno !
Un ringraziamento  particolare anche al Sig. Comandante, all’Ass. Fiorini, alla Soprintendenza ai Beni Culturali, alla Direzione Servizi Civici e all’Area Tecnica del Cimitero di Staglieno, all’arch. Paolo Lanfranconi per il sostegno e la disponibilità e… lasciatemi dire anche la pazienza dimostrata durante tutto questo faticoso percorso, a tutti soci che hanno fornito il loro aiuto determinante durante il percorso che ci ha portato dal progetto sino alla realizzazione dell’opera………….siete stati tutti meravigliosi !
Ed ora, non abbiamo più un sogno ma……..abbiamo una realtà!
 

Su questo sito usiamo i cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando a navigare sul sito date il vostro consenso ad accettare i cookies. privacy policy.

Accetto cookies per questo sito.