Martedì, 12 Dicembre 2017
   
Text Size

2015 - Rocca Soprana di San Giovanni - 23 Settembre

Con la solita iniziativa  e  la collaudata compagnia del collega Eugenio e l'amica Laura, arriviamo di buon mattino alle Terme di Valdieri per affrontare una gita poco frequentata con difficolta'  E  sino al Lago di Valcuca  poi  alpinistica facile dalla cengia alla vetta. Il cielo terzo e l'aria frizzante ci accompagneranno per quasi tutta la gita, il massimo per andare in montagna.  Parto e so che per me' la salita sara' tosta...conoscendo i miei due compagni di viaggio.  In poco tempo siamo dalla cascata all'inizio del pianoro del Valasco, superiamo il Rio su di un ponticello ed una costruzione in metallo, che lasciamo a sinistra, poi raggiungiamo il sentiero che ci porta  allo stupendo Lago di Valcuca per la Gorgia omonima. Qui lo costeggiamo sulla sinistra  e riprendiamo quota su sfasciumi e bellissime placche di granito, sino ad individuare il punto, dove inizia  la cengia, al vertice di un conoide, che ci porta ad una successiva  salita fra  roccette e su di una insidiosa erba. (Non esiste una vera segnaletica, ci sono degli ometti qua' e la' ma.....) Con attenzione arriviamo sulla  bella ed aerea cresta rocciosa , con vista vetta. Panorama a 360° imperdibile e percorso  ancora abbastanza lungo da affrontare con attenzione. Sollecitati dal fatto che un'improbabile nevica, verso il gruppo dell'Argentera, ci poteva raggiungere, procediamo lesti fra saliscendi formati da diedri e roccette, sino ad  arrivare in vetta. Quella nevica ci stava raggiungendo. Senza avere il tempo di scattare foto, ripartiamo con passo veloce ma sicuro  verso il piccolo larice che ci indica il punto di discesa.  Abbastanza veloci siamo arrivati al Lago di Valcuca dove, con calma, ci siamo gustati le varie cibarie poi giu' per quella discesa spaccagambe sino al Valasco poi, sino alle Terme di Valdieri dove il solito "rinfresco"  nelle gelide acque del Torrente Gesso ci ha  tonificati. Bellissima salita con un  impegno totale di ca. ore 06,30 con dislivello di  mt. 1300ca.

NOTE : la gita qui descritta e' da annoverarsi fra quelle impegnative e non adatta ne ad un gruppo escursionistico ne a persone prive di allenamento o di cognizioni alpinistiche. La stessa va' affrontata, comunque, con attenzione ed esclusivamente con tempo asciutto e bello.

 Il socio  Bruno M.

/>

 

 

Su questo sito usiamo i cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando a navigare sul sito date il vostro consenso ad accettare i cookies. privacy policy.

Accetto cookies per questo sito.