Venerdì, 10 Luglio 2020
   
Text Size

2020 - Bric Agnellino per la Ferrata degli Artisti alla Cresta dei Balzi Rossi

22-02-2020 Bric Agnellino - Ferrata degli Artisti per la Cresta Est dei Balzi Rossi

E' da molto che sento parlare (un gran bene) di questa ferrata. L'idea lanciata dal collega Eugenio mi “prende” anche se, dico la verità, a me le ferrate non piacciono, e neppure a Eugenio. Ricordo quella di Crocefieschi, fatta col gruppo nel 1996. Con un giro di telefonate parto con Eugenio, Domenico e Mauro verso il finalese. Usciamo al casello di Finale Ligure... poi a destra per la S.S. del Colle del Melogno, superiamo il paese di Gorra e Magliolo qui, dalla Chiesa dei Santi Cosma e Damiano (l'abbiamo proprio di fronte) proseguiamo a destra verso la frazione di Isallo (da Magliolo è ben visibile sia la segnaletica che la cresta dei Balzi Rossi). Proseguiamo a destra sino alla frazione e Via Cà dell'Erscio dove termina l'asfalto e dove e' bene lasciare le auto, quelle “normali e basse”; con altri mezzi si arriva sino ad una sbarra con spiazzo (1/2 km). Percorriamo, in compagnia di due simpatici “ferratisti”, l'ampio sterrato sino ad una curva a destra, dove all'altezza di uno slargo e di un grosso masso inizia, alla nostra destra, il breve sentiero che, fra banali salti rocciosi, ci porta alla base della ferrata. La bellezza del percorso, dei posti e del panorama, sui Monti Mongioie, Pzo. d'Ormea, Antoroto e a Ponente il Carmo, valgono sicuramente la fatica affrontata. Dopo una sosta “mangereccia” scendiamo, verso Ovest e al colle, a sinistra la tortuosa discesa segnata da tacche rosse (sono presenti anche “ometti”), sino ad un primo sterrato poi, a sinistra quello successivo, sino alla macchina per un tempo totale di ore 6 con soste. NOTE: ferrata, di difficoltà EEA-AD molto lunga con punti di pura “adrenalina” (ponte tibetano e la successiva cresta aerea) dove abbondanti (forse eccessive) sono le strutture (pioli) che rendono la stessa, oltre che sicura, meno faticosa agli arti. Alcuni sono i saliscendi e diversi sono i brevi “avvicinamenti” alla parete successiva sempre e comunque in sicurezza; due sono le “vie di fuga”. E' possibile “aggirare” il lungo ponte tibetano, tramite sentiero. La buona qualita' della roccia e le “belle maniglie e appoggi” che essa offre, permette, non dico ai “puri”, la progressione in arrampicata.
Portarsi acqua e dotarsi di kit da ferrata. No a vertigini.
PRECISAZIONI: Credo ci siano altri sentieri di discesa; NOI abbiamo seguito il sentiero, segnato da tacche rosse, SEMPRE quello sulla nostra destra, tralasciandone alcuni (non segnati) sulla nostra sinistra.
Un bravo a Domenico per la sua “prima” ferrata.

Le foto raccontano la gita.

Il socio Bruno M.

/>

Su questo sito usiamo i cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando a navigare sul sito date il vostro consenso ad accettare i cookies. privacy policy.

Accetto cookies per questo sito.